POrte e tipologie di apertura

Quando ci troviamo a dovere scegliere una porta la prima cosa da decidere, in fase di lavori, è come la apriremo. In commercio esistono porte: a battente, porte scorrevoli interno muro, porte scorrevoli esterno muro, a soffietto, girevoli, traslate e a saloon. Ogni esigenza richiede una tipologia piuttosto che un altra, per queste le volevo analizzare assieme.

Porte Battente:

Sono le porte con un anta unica che si apre spingendo o tirando da una parte. Sono quelle più comuni e che solitamente tutti abbiamo in casa. I vantaggi sono diversi, in prima battuta sono esteticamente belle poiché l’anta unica, le rende gradevoli e da la possibilità di averle lisce, rigate etc… Un altro punto a favore è la comodità di apertura, infatti in casa sono comode perché facili da aprire anche con le mani occupate o velocemente. Altro fattore da non tralasciare è che isolano piuttosto bene gli ambienti non facendo trapelare rumori o odori in modo eccessivo. Infine a renderle tanto usate è il fatto che possono essere installate senza particolari accortezze, a differenza di alcuni modelli che vedremo.

Lo svantaggio sicuramente sta nel fatto che l’arco di apertura deve essere libero, o altrimenti la porta non si aprirà Questo è solitamente il motivo per cui si scelgono altre aperture in alcuni spazi.

porte a battente

Porte Scorrevoli Interno Muro

Sono porte anche queste ad anta unica, che scorrono all’interno della parete. Nate per le situazioni in cui non è possibile aprire una porta a battente sono belle e pratiche da aprire e chiudere. Non creano ingombro nello spazio di apertura, che avviene nel muro, e permettono di usufruire di entrambe le pareti in cui si inserisce.

Gli svantaggi sono diversi. Innanzitutto non potremmo inserire questa tipologia di porta se non è stata pensata in fase di progettazione inserendo un telaio all’interno della parete. Dobbiamo tenere inoltre conto del fatto che questa porta lascia libere le pareti in cui si inserisce, ma fa si che non possiamo appenderci mobili o farci passare degli impianti. Non potremmo quindi appendere mobili pesanti, incassi doccia, cassette del wc o altro in questa parete. Come ultimo svantaggio inserirei il fatto che, solitamente, non isola dagli odori e dai rumori come una porta a battente. Questo per il fatto che dovendo scorrere, solitamente non poggia totalmente a terra.

Ormai è entrato nel gergo comune come “porte a scrigno”, identificandone l’apertura con una delle aziende che le produce.

esempio di una porta scorrevole interno muro

Porte Scorrevoli Esterno Muro

Anche queste sono ad anta unica che scorre su una delle pareti di fianco ad essa. Non creano ingombro nell’apertura come quelle a battente, e allo stesso tempo non hanno bisogno della struttura interna alla parete di quelle scorrevoli interno muro. Sono pratiche da usare, ma riguardo all’estetica, non a tutti piace vedere la “ferramenta” utile ad aprirla che sarà messa sulla parete di scorrimento. Infatti in alcune case diventano un elemento di design e si adattano allo stile, mentre in altre diventa difficile ambientarla. A differenza delle due tipologie di apertura citata sopra queste occupano, com’è logico parte della parete laterale che dovrà essere lasciata libera. Un altro svantaggio riguarda nuovamente l’isolamento che non è dei migliori.

Porta scorrevole esterno muro con sistema di scorrimento a vista

Porte a Soffietto/Libro

Sono le porte chiamate anche a libro, hanno l’anta divisa in due o più parti. Questa si impacchettano una sull’altra a scorrono di lato. Il vantaggio è sicuramente il fattore spazio. Questa non occupa spazio nell’aprirsi, e non hanno bisogno di strutture interne alla parete . Fattori che ci permettono di posizionare o appendere mobili ai suoi lati senza problema alcuno. Lo svantaggio come in tutte le scorrevoli è lo scarso isolamento. Ma il vero motivo per cui non vengono prese in considerazione, se non in condizioni “estreme” è il fattore estetico. Di fatti non è così gradevole vedere un anta della porta con più tagli.



Porte Traslate

Sono porte con un sistema di ferramenta che le fa aprire e ruotare la porta. Questo sistema le rende vantaggiosa perché ingombra meno di una porta a battente, mantenendo un buon isolamento dai rumori e dagli odori quando chiusa. Inoltre a differenza delle scorrevoli non occupa internamente o esternamente le pareti laterali. E’ una buona soluzione che non invade parete o passaggi, ed è esteticamente bella in quanto l’anta è intera. Ovviamente una nota dolente ci deve essere, che è data dal prezzo. Questo sistema di ferramenta e cerniere la rende un prodotto non economico.

porta con apertura traslante

Porte a Saloon

Sono porte con un apertura come quella a battente, ma che permette all’anta di andare sia in avanti che indietro. Solitamente sono due piccole ante e non una unica. Si adattano alle situazioni in cui non vogliamo tanto ingombro dell’anta, ma non vogliamo optare per una porta scorrevole. Non sono Tanto usate nelle case, anche perché di solito, non filtrano tanto.

porta a soloon

Porte Girevoli

Sono porte che girano du in perno centrale. Non sono quasi mai usate in casa.

Altro da sapere

Le porte possono avere tentissime altre caratteristiche, materiali, maniglie etc, ma sempre per quanto riguarda la tipologia di apertura è doveroso parlare anche delle porte 180 gradi, ovvero di fatto aperture a battente che, grazie a cerniere particolari, fanno si che la porta si apra totalmente facendola appunto ruotare di 180 gradi. (come in foto).






Un altra caratteristica è il filo-muro. Tranne le porte a scorrevole esterno muro, tutte le altre, se la situazione lo consente, possono essere montate senza stipiti. Questo fa quasi scomparire la porta, integrandola con la parete, rendendo l’ambiente armonioso e moderno.

porta senza telaio, a scomparsa rivestita in carta da parati

Ovviamente queste sono indicazioni di massima, perché a modificarne le caratteristiche ci sono anche materiali e tipologia di chiusura. Ogni ambiente ed esigenza è differente, ma credo possa essere un giusto promemoria di ciò che può fare al caso nostro, evitando imprevisti.