ARREDATORi, ARCHITETTi O FAI DA TE?

In questi giorni mi sono trovata svariate volte a pensare alla necessità o meno, per chi fa casa, di affidarsi ad un arredatore, architetto o a seguire tutto per conto proprio.
In molti mi chiedete se e quanto servano queste figure nel far casa. Qualcuno dice che sono inutili, altri che non potrebbero farne a meno. Vorrei fare chiarezza sul mio pensiero in merito.

E’ sicuramente possibile fare una casa senza interpellare queste figure professionali, ma , nella maggior parte dei casi, la mancanza di un tecnico si nota sia durante i lavori che a lavori finiti.
Oltre alla componente estetica,ricordate che queste figure si trovano a gestire i lavori di casa tutti i giorni, quindi sanno quali saranno i problemi e le tempistiche e sono pronti ad agevolarvi nel quotidiano. Con questo non voglio dire che sia assolutamente necessario, ma che avere qualcuno con gusto, inventiva ed esperienza quando si fa casa può essere utile.

Chi vuol fare da sè

Il pensiero di realizzare per conto proprio ogni dettaglio, sapere di avercela fatta con le proprie forze ad uscire da mesi di lavori, decisioni, ed imprevisti è una bella soddisfazione. Per cui sicuramente se siete creativi, se vi piacciono le sfide, se non avete fretta di entrare in casa e se avete tempo da dedicare al cantiere, non vi servono un arredatore o un architetto!
E’ giusto sapere che un arredatore sa immaginare e ha una prospettiva futura che spesso il singolo non ha per cui deve aspettare che una cosa sia fatta per procedere con un altra volendo essere sicuro del risultato estetico, perdendo un po’ più tempo e dovendo recarsi più spesso sul cantiere per controllare o per capire interrogtivi che vengono posti e che magari non si aspettava.

Per chi scegliere di percorrere questa strada i social sono un bell’aiuto per trarre spunti e per confrontarsi con altre persone che stanno o hanno fatto casa. Mi sento però, di spendere due parole a riguardo.
E’ importantissimo confrontarsi con le persone, conoscere e capire la propria esperienza, ma ricordate che la singola esperienza non fa la regola. Ogni casa ha esigenze e peculiarità per cui quel che va bene per qualcuno non va bene per altri. Allo stesso modo qualcuno può trovarsi benissimo con un materiale o prodotto ma per la vostra casistica potrebbe essere sbagliato oppure può essere che quella persona sia un caso raro. Quindi se decidete di far casa da soli confrontativi, ascoltate e poi valutate sul cantiere con muratori, idraulici, piastrellisti, imbianchini etc. Loro sapranno aiutarvi e bloccarvi se state per fare un errore.

Riguardo al budget molti professionisti propongono pacchetti differenziati per seguire in toto o solo in parte i lavori in modo da spianarvi la strada per non incappare in errori ma allo stesso modo contenere i costi.

Chi dovrebbe affidarsi ad un esperto

A tutti gli altri, se il budget lo permette, consiglio di affidarvisi!
Seguire i lavori, anticipare le scelte ed immaginarsi il risultato finale non è semplice.
Ovviamente non lo consiglio solo per motivi pratici e di velocizzazione, interior-design, architetti e arredatori, hanno una formazione tale per cui sono in grado, se sono bravi, di creare un effetto di insieme grazie a luci e a colori che è difficile da ottenere per chi si trova a fare casa per la prima e forse unica volta nella vita.

Non si tratta solo di accostare i colori, ma proprio di proporre soluzioni per creare unità e coesione ai vari componenti che dialogano in un ambiente. Un professionista sarà li per studiare suddivisioni interne funzionali per le vostre necessità, sapervi indirizzare sui materiali migliori per voi, creare render per visionare assieme il progetto, e sapere dare un estetica che rispecchi voi e il vostro gusto.

Saper gestire luci, colori e materiali in modo armonico è difficilissimo anche per chi fa questo mestiere. Farlo per chi non è del campo, dovendo gestire anche tutte le pratiche quotidiane del far casa, è quasi impossibile, a meno che, come detto sopra, non disponiate di tempo, creatività e pazienza!!!

Fiducia

La cosa fondamentale per me è il fattore fiducia che deve nascere quando si decide di affidarsi ad una figura professionale. Dovrete scegliere un architetto o arredatore di cui vi apice lo stile o con cui si innesca una affinità perchè affidarsi a qualcuno verso il quale hanno dei dubbi il rischio è quello di partire con il piede sbagliato e vivere male i lavori.

Arredatori e architetti hanno uno spiccato senso estetico e, purtroppo, le cose belle costano! Questo non vuol dire però che vi faranno, per forza, spendere di più del previsto. Sapranno invece capire dove investire del budget perchè ne varrà la pena a lavoro finito, e dove invece risparmiare. Sapranno inoltre trovare escamotage o prodotti di nicchia in economia per rispettare i costi prefissati. Dovrete quindi avere fiducia nel fatto che non sono li per farvi spendere di più o consigliarvi cose sbagliate, ma anzi sono li per voi.
E’ totalmente nel loro interesse che voi finiate casa rispettando il budget e le linee estetiche.
Per questo direi che è il caso di sfatare il mito che vi faranno spendere di più, semplicemente sapranno dove spendere tanto e dove risparmiare.

Mi è capitato di sentire persone ringraziare un professionista per aver insistito su un elemento perchè poi nel tempo si è rilevata una scelta giusta e vincente.